Zelig, il ritorno di Teocoli nei panni di Caccamo è da standing ovation

Felice Caccamo è finalmente tornato. Ospite d’onore a Zelig, tornato in prima serata a partire da giovedì 18 novembre 2021 con tre puntate speciali in occasione dei venticinque anni di storia della trasmissione. E per me, che ero una fan sfegatata di Mai Dire Goal, prima ancora che di Zelig, è stata una meravigliosa sorpresa.

Ero una bambina quando rimanevo sveglia fino a tardi per vedere Teo Teocoli nelle vesti irresistibili di Gianduia Vettorello, redattore della “Marrone de Piemonte”, in quelle di Peo Pericoli, tifoso sfegatato del Milan ma soprattutto nei panni di Felice Caccamo. Lui, insieme a Gene Gnocchi, Giorgio Faletti e pochi altri, erano i miei miti, simboli di una comicità irresistibile, irriverente, anche cattiva e sicuramente politicamente scorretta, per i canoni di oggi. Ma unica e mai più eguagliata. Il loro non era un copione scritto ma basato anche sull’improvvisazione, sulla capacità di infilare battute a tradimento verso le conduttrici e conduttori di turno, ed esprimevano al meglio la comicità dell’arte ereditata dai più grandi, Totò in primis, e allenata nel mitico  cabaret milanese degli anni ’70 e ’80, quel Derby che ha sfornato talenti come Cochi e Renato, Diego Abatantuono, Paolo Rossi, Giorgio Faletti e Teocoli,…