Wti ai minimi sui timori di recessione- Corriere.it

Dopo un’apertura in calo, dovuta ancora ai timori per la guerra tra Russia e Ucraina e il rischio di una recessione dell’economia globale, il prezzo del gas continua a scendere: al Ttf di Amsterdam scende a 172 euro al megawattora, con una flessione del 6,3%. Le forniture di Gnl in Europa, nel mentre, si rafforzano e gli stoccaggi si avviano a raggiungere il massimo. In ribasso anche il prezzo del petrolio, sulla scia del superdollaro oltre che dei timori di recessione: in avvio di settimana, il Wti perde l’1,21% rispetto alle quotazioni in chiusura venerd 23 settembre a 77,80 dollari al barile (ai minimi da gennaio), mentre il Brent cede l’1,18% a 85,13 dollari al barile.

L’allarme dell’Ocse

Sul ruolo fondamentale del gas per l’economia mondiale si espresso anche l’Ocse nel consueto outlook, pubblicato luned 26 settembre. Una carenza di carburante pi grave del previsto, in particolare per il gas — si legge nel documento —, potrebbe ridurre la crescita in Europa di ulteriori 1,25 punti percentuali nel 2023, con una crescita globale ridotta dello 0,5%, e aumentare l’inflazione europea di oltre 1,5 punti percentuali. Ci spingerebbe molti paesi in una recessione per l’intero anno. L’incertezza significativa: nelle previsioni l’Eurozona avr una…