vince con il dottor Oz in Pennsylvania, ma perde in North Carolina con il ribelle Cawthorn- Corriere.it

di Massimo Gaggi

Si votato in cinque Stati (Pennsylvania, Kentucky, Oregon, North Carolina e Idaho), ma le battaglie rilevanti erano due: la scelta dei candidati per il seggio senatoriale (vacante) della Pennsylvania, e la conferma, come deputato del North Carolina, di Madison Cawthorn

Due settimane fa la stagione delle primarie, in vista delle elezioni di midterm del prossimo novembre, si era aperta in modo trionfale per Donald Trump: J.D. Vance, quinto nei sondaggi con un modesto 8%, dopo aver ottenuto l’endorsement dell’ex presidente aveva superato di scatto tutti i suoi avversari ottenendo la nomination repubblicana per il seggio dell’Ohio in Senato. La settimana scorsa un primo incidente di percorso per The Donald, impegnato a dimostrare di avere ancora il controllo totale del suon partito: mentre in West Virginia era riuscito a far prevalere il suo candidato, il discusso Alex Mooney, su David McKinley, il parlamentare uscente appoggiato dalla struttura del partito, in Nebraska Charles Herbster, il grande allevatore da lui scelto per la carica di governatore, era stato battuto da Jim Pillen, il candidato dei leader repubblicani locali, anche lui un imprenditore dell’agroindustria.

Ieri, terza tappa delle primarie, le cose sono andate ancora peggio per…