“Vi spiego perché è importante per Allegri”

Bonucci merita ancora lo scettro del leader in questa Juventus? Il quesito scatena opinioni contrastanti. Il difensore originario di Viterbo veste bianconero da ben otto anni, fatta eccezione per l’intermezzo vissuto al Milan nella stagione 2017-2018. Senza dimenticare la crescita calcistica nel vivaio dell’Inter.

E’ proprio il passato del libero classe 1987 a destare rimostranze da parte di un lato della tifoseria della Vecchia Signora che non vuole certo dimenticare. Dal punto di vista strettamente tecnico occorre sottolineare che Bonuncci costituisce ancora un punto fermo sia per lo scacchiere di Allegri, in una retroguardia orfana di De Ligt, sia per la Nazionale di Mancini. Basti pensare al lancio millimetrico fornito a Raspadori nell’azione del gol decisivo nel match contro l’Inghilterra a San Siro.

In questa stagione il numero 19 vanta 5 presenze totali tra Serie A e Champions League con una rete siglata. In molti però nutrono dubbi sulla reale efficacia tecnica e fisica di un giocatore che ormai ha toccato quota 35 primavere. Molti ricollegano a tale dettaglio non indifferente una delle principali cause del rendimento altalenante della Juventus versione 2022/2023. Il dibattito è più che mai aperto.

Nando Orsi

Io per il futuro non mi affiderei…