Versilia, le voci e le immagini nei borghi evacuati per gli incendi- Corriere.it

di Marco Gasperetti

La paura e il sollievo di chi riuscito a scappare: Quando sono uscito di casa mi sono trovato in una bolgia dantesca. Siamo stati fortunati, il fuoco ci ha solo sfiorato

MASSAROSA (Lucca) Racconta Stefano il falegname che all’improvviso la sua camera stata illuminata da un fascio di luce rosso purpureo: Credevo di sognare ma quando sono uscito di casa mi sono trovato in una bolgia dantesca. Bambini che piangevano, madri che urlavano, padri che guardavano la strada che porta sino al lago e cercavano di capire come raggiungerlo. Stefano Palmerini, 60 anni, tra i mille sfollati della Versilia. Ma ieri mattina ha deciso, nonostante i blocchi, di tornare nel suo paese, Pieve a Elici, devastato dal rogo che da quattro giorni sta assediando le colline che guardano Massarosa e Camaiore.

La sua casa, dove vive con la moglie e un figlio di pochi mesi, si trova accanto a una pieve romanica e da l il panorama, magnifico, arriva sino al Massaciuccoli, il lago di Puccini e poi al mare. Adesso la famigliola sembra l’unica padrona di quel borgo deserto. Le strade restano chiuse perch, come dicono i vigili del fuoco, se il vento si incattivisse le fiamme potrebbero risorgere pi potenti di prima. Poi ci sono quelli che in paese chiamano gli sciacalli delle…