Vaccino AstraZeneca, Cavaleri (Ema) choc: «C’è nesso con casi di trombosi». In arrivo limitazioni per donne under 55

Non conosce pace il destino del vaccino anti Covid Vaxzevria, cioè quello sviluppato da AstraZeneca con l’Università di Oxford: oggi nel tardo pomeriggio si terrà una riunione tra i tecnici dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e e il Ministero della Salute in merito a eventuali ulteriori indicazioni sull’utilizzo del vaccino. Per una decisione, tuttavia, scrive l’ANSA, si attenderà il pronunciamento dell’Agenzia europea dei medicinali Ema, atteso entro giovedì, sull’eventuale correlazione tra il vaccino ed i rarissimi eventi trombotici segnalati in vari Paesi. La notizia dell’incontro era stata anticipata oggi dal quotidiano il Giornale.

Intanto nessuna indicazione è ancora arrivata dalla Commissione europea sulla nuova valutazione che l’Ema sta preparando sul collegamento tra i rari casi di trombosi e la vaccinazione con il ritrovato AstraZeneca. «È in corso all’Ema l’analisi, aspettiamo che si pronunci l’Ema»​, ha indicato il portavoce responsabile della Sanità. Lo scorso 31 marzo l’Ema aveva indicato: «Al momento la revisione non ha identificato alcun fattore di rischio specifico, come l’età, il sesso o una precedente storia medica di disturbi della coagulazione, per questi eventi molto rari. Un nesso causale con il…