utili alle stelle dal trading per le compagnie petrolifere europee

 

Le principali compagnie petrolifere europee hanno riportato utili eccezionali per il primo trimestre poiché i prezzi del petrolio e del gas sono aumentati con la crisi energetica europea e l’invasione russa dell’Ucraina. Tutti e tre i principali produttori e trader – Shell, BP e TotalEnergies – hanno registrato i loro guadagni trimestrali più alti degli ultimi anni, annunciando che sono stati i profitti dalle attività di trading “superiori” ed “eccezionali” ad aver contribuito agli alti guadagni, insieme all’aumento dei prezzi del petrolio e del gas naturale e al rafforzamento della raffineria margini.

Sebbene non sia un segreto che il trading in mercati volatili produca molti profitti per le società commerciali e le divisioni commerciali, nessuna delle tre grandi major europee del petrolio e del gas ha una voce “risultato commerciale” separata nei propri bilanci. Ciò lascia il mercato e gli analisti a stimare quanto sia redditizio il trading di petrolio e gas, specialmente in circostanze di mercato eccezionali come quelle che stiamo vivendo ora.

In realtà che gli utili provengano da queste attività di trading lo hanno affermato i dirigenti delle società, perché nessuna di queste contabilizza in modo separato i profitti…