Usa, “Trump ha altre carte, non ha restituito tutto”.

Donald Trump non ha restituito tutti i documenti portati via dalla Casa Bianca e tenuti nel suo restort in Florida. E’ il sospetto del dipartimento Giustizia manifestato ai legali dell’ex presidente. Secondo il New York Times, è stato il direttore delle operazioni di controspionaggio, Jay Bratt, a esporre ai legali del tycoon i dubbi riguardo l’effettiva collaborazione di Trump nelle indagini. Sono più di trecento i documenti riservati sequestrati dall’Fbi nel corso del blitz dell’8 agosto nel resort di Mar-a-Lago. Ma di altri documenti non ci sarebbero traccia.

La rivelazione arriva a poche settimane dalla scoperta di quarantotto contenitori di documenti “riservati” trovati vuoti. Tra questi c’erano faldoni con etichette che riportavano la presenza di dossier destinati allo staff del segretario alla Difesa e a consiglieri militari, e altri classificati come ‘top secret’. Tutti completamente vuoti. Il New York Times non spiega se i dubbi del dipartimento sono stati corroborati da nuove prove, ma è possibile che gli investigatori stiano studiando la possibilità di nuove perquisizioni, forse in altre proprietà del tycoon. Nel frattempo va avanti la battaglia legale tra…