Urso richiama Castano al ministero per le crisi aziendali e riceve i complimenti di Calenda

Torna al Mise Giampietro Castano, mister “160 tavoli di crisi”. Soprannominato così perché per dieci anni ha diretto al ministero dello Sviluppo economico la task force sulle crisi industriali italiane. Fu chiamato da Pier Luigi Bersani nel 2007 e confermato dai successivi sette ministri di ogni colore. Finché arrivò Di Maio che lo mandò via. “E’ il governo del cambiamento”, commentò Castano. In poco tempo, senza di lui, e accorpando addirittura due ministeri, Di Maio disse di aver risolto due grandi vertenze come Whirlpool e Ilva. Da allora la task force non ha più avuto un consulente tecnico, passando direttamente ai politici, tutti 5 stelle: Giorgio Sorial, Stefano Patuanelli e Alessandra Todde.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo

Il foglio web a € 8,00 per un mese Scopri tutte le soluzioni
OPPURE