una giornata da peones- Corriere.it

di Fabrizio Roncone

C’ Battelli (M5S) che arriva in monopattino. E Bucalo (FdI): decide tutto Giorgia

L’ incarico: trovare un peone qualsiasi, farsi raccontare come lo trattano, lo schifo di giornate che sta vivendo qui a Montecitorio, tenuto all’oscuro, grande elettore per modo di dire, per lui solo comandi bruschi, costretto a votare come gli ordinano i capi via WhatsApp (finora: sempre scheda bianca; infatti poi alcuni s’infilano nelle cabine e, per sfregio, scrivono Claudio Baglioni o Nino Frassica).

Lo sguardo scivola sul Transatlantico e gi nel cortiletto: bolgia anche in questo secondo giorno, si fuma ovunque, mascherine abbassate, chiacchiere, la candidatura di Mario Draghi al Quirinale perde quota, Renato Brunetta l’unico che lo difende platealmente.
S, ma i peones?
Eccone un gruppetto.

Questo con le mani in tasca Mario Acunzo da Battipaglia. Ex 5 Stelle: cacciato perch non versava i soldi al Movimento. Arrotonda facendo l’attore nella fiction di Rai 1 Il commissario Ricciardi. Ma Acunzo non parla ( disperato: fece l’errore di dire che avrebbe voluto Berlusconi al Quirinale). Questa invece Carmela Ella Bucalo da Barcellona Pozzo di Gotto, di anni 58, Fratelli d’Italia: ieri si scattava selfie di ricordo. Decide tutto Giorgia, certo: ci…