una bomba sul tycoon – Libero Quotidiano

Per ribaltare l’esito del voto alcuni dirigenti della campagna elettorale di Donald Trump, capeggiati da Rudy Giuliani, nel dicembre del 2020 tentarono di installare falsi grandi elettori in sette Stati, con tanto di falsi certificati che alla fine furono mandati anche agli Archivi nazionali. E’ quanto riferisce uno scoop della Cnn, che cita tre fonti direttamente a conoscenza del piano, tra cui Meshawn Maddock, co-presidente del partito repubblicano in Michigan e tra i 16 falsi elettori di quello Stato. Il piano interessò Pennsylvania, Georgia, Michigan, Arizona, Wisconsin, Nevada e New Mexico 

 

 

Intanto, la commissione della Camera Usa che indaga sull’assalto del 6 gennaio scorso al Campidoglio chiede a Ivanka Trump, figlia dell’ex presidente Donald, di collaborare volontariamente alle indagini. La commissione le ha inviato una lettera chiedendo un incontro all’inizio di febbraio in cui discutere delle azioni del padre, inclusa una telefonata a cui ritiene la donna abbia assistito, dove Trump avrebbe cercato di fare pressione sull’allora vice Mike Pence affinché rifiutasse i risultati delle elezioni del 2020, tra le altre questioni. Ivanka Trump era una consigliera del…