Ucraina, pronte le sanzioni Usa per tagliare fuori i russi. E la Ue dovrà adeguarsi- Corriere.it

di Federico Fubini

Il modello pensato dalla Casa Bianca in caso di attacco lo stesso usato per l’Iran

Quando nel 2014 la Russia occup la Crimea innescando l’annessione, ai governi occidentali servirono mesi per mettere insieme le loro sanzioni. L’invasione inizi in febbraio, ma solo a luglio Stati Uniti, Ue, Canada e altre democrazie pubblicarono una lista di misure che sarebbero costate un punto e mezzo di crescita alla Russia. Vladimir Putin decise che era un prezzo accettabile, in cambio della riconquista di uno spicchio dello spazio imperiale di Mosca.

Stavolta, gli americani vogliono far saltare i calcoli del presidente russo: tanto per la durezza, quanto per la rapidit delle sanzioni che hanno gi preparato. E poco importa che i governi europei decidano di seguire o no, perch il pacchetto di Washington tale da obbligare le aziende del vecchio continente ad adeguarsi per non essere escluse dai mercati degli Stati Uniti.

L’obiettivo principale della Casa Bianca definito con precisione, qualora l’esercito di Mosca dovesse innescare un’altra spirale di violenza in Ucraina: tagliare fuori il sistema finanziario russo dal resto del mondo. Vari osservatori informati confermano che si intende far intervenire l’Office on Foreign Asset Control (Ofac)….