Ucraina, i soldati russi intercettati al telefono: “Putin è un pazzo. Stiamo perdendo la guerra”

LONDRA – “Putin è un pazzo, vuole conquistare Kiev, ma non riusciamo a farlo”. “Metà del nostro reggimento è stato ucciso”. “Abbiamo ricevuto l’ordine di uccidere tutti gli ucraini che incontriamo”. “Quanto torno a casa mi dimetto, vaffanculo l’esercito”. “L’offensiva è in stallo, stiamo perdendo la guerra”. Sono le voci dei soldati russi al fronte in Ucraina, nelle telefonate che hanno fatto a familiari ed amici in Russia.