Ucraina al gelo, bombe russe e centrali nucleari disattivate – Libero Quotidiano

Il presidente Zelensky ha accusato la Russia di “crimini contro l’umanità” dopo che un nuovo massiccio attacco missilistico ha causato blackout in tutta l’Ucraina. Parlando in video al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il presidente ucraino ha affermato che la “formula del terrore” russa ha costretto “milioni di persone a rimanere senza rifornimenti energetici, senza riscaldamento, senza acqua, al freddo sotto lo zero.

Gli ultimi attacchi hanno ucciso almeno sette persone, ha aggiunto, e le centrali nucleari sono state disattivate. I tre impianti ancora sotto il controllo ucraino sono stati disconnessi dalla rete e l’impianto di Zaporizhzhia – il più grande d’Europa – è stato nuovamente costretto a fare affidamento su generatori diesel per alimentare i suoi sistemi di raffreddamento e le principali apparecchiature di sicurezza. 

Da parte sua il Cremlino, attraverso il suo rappresentante alle Nazioni Unite, Vasili Nebenzia, ha dichiarato davanti al Consiglio di sicurezza dell’Onu che gli attacchi russi alle infrastrutture in Ucraina sono una reazione alla fornitura di armi che i paesi occidentali stanno effettuando a Kiev. “Stiamo attaccando le infrastrutture in Ucraina in risposta all’uso di…