Ucraina, 10 milioni senza elettricità. Caso Nord Stream: fu sabotaggio- Corriere.it

di Lorenzo Cremonesi

L’indagine svedese: tracce di esplosivo sul gasdotto. Il 50 per cento della rete elettrica ucraina danneggiata

DAL NOSTRO INVIATO
KIEV

Oltre 10 milioni di ucraini sono senza elettricità ha denunciato l’altra notte Volodymyr Zelensky. Una cifra enorme, specie se si tiene conto che almeno sei sulla quarantina di milioni di abitanti sono profughi all’estero. E ieri il suo primo ministro, Denys Shmyhal, ha aggiunto che «quasi il cinquanta per cento della rete elettrica nazionale è stata danneggiata o distrutta dai recenti bombardamenti russi». Così, a 270 giorni dall’inizio dell’invasione militare voluta da Putin, il Paese rischia il blackout, le cui conseguenze sono aggravate dall’abbassarsi delle temperature. Due giorni fa è caduta la prima neve anche nelle zone del centro sud: in molte abitazioni private e in diversi uffici dell’amministrazione pubblica non ci sono luce e riscaldamento, la rete telefonica e internet funzionano a singhiozzo; i tagli all’energia impediscono il funzionamento delle stazioni di pompaggio che garantiscono sia il flusso dell’acqua potabile, che il filtraggio delle acque nere. Kiev chiede il sostegno della comunità internazionale, mentre il ministero della Difesa a Mosca accusa l’Ucraina di «crimini…