Trump, minacciati di morte gli agenti dell’Fbi che hanno perquisito la villa di Mar-a-Lago- Corriere.it

di Viviana Mazza

La stampa di destra pubblica i nomi. Nel mirino anche il giudice che ha firmato il mandato

DALLA NOSTRA INVIATA
NEW YORK – Un numero «senza precedenti» di minacce contro il personale e le proprietà dell’Fbi ha fatto seguito alla perquisizione alla tenuta di Mar-a-Lago di Donald Trump. Minacce precise, anche contro i due agenti che hanno firmato l’inventario dei documenti requisiti, ha detto alla Cnn una fonte delle forze dell’ordine. Venerdì sera sono circolati online i loro nomi, quando il sito di estrema destra Breitbart News, che in passato fu diretto dallo stratega di Trump Steve Bannon, ha diffuso una copia del mandato di perquisizione.

Breitbart, come altri media, ha avuto il mandato prima che fosse desecretato, ma è l’unico ad averlo pubblicato senza coprire i nomi. Qualche ora più tardi il sito ha diffuso un’altra versione, in cui non erano più leggibili, ma i nomi dei due agenti avevano già fatto in tempo a finire sul social trumpiano «Truth» dove alcuni utenti li hanno definiti «traditori». C’è chi accusa lo stesso ex presidente, che ne possedeva una copia, di aver fatto trapelare il mandato senza censure (a differenza di quello divulgato poco dopo dal giudice), benché non sia possibile provarlo. Il social «Truth»…