Traforo Monte Bianco, regole di circolazione e tariffe applicate

Immagine da YouTube

Il Traforo del Monte Bianco collega Courmayeur (in Italia) a Chamonix (in Francia) dal 1965. L’attraversamento è soggetto a pedaggio, oltre che al rispetto di alcune regole di sicurezza

Il traforo del Monte Bianco collega Italia e Francia dal 1965. Per la precisione, collega Courmayeur, in Valle D’Aosta, con Chamonix, nel dipartimento francese dell’Alta Savoia. Il traforo venne costruito congiuntamente da Italia e Francia: i lavori iniziarono nel 1957 e terminarono nel 1965, anno della sua inaugurazione. È una galleria unica a doppio senso di circolazione e, nella parte italiana, ha la classificazione autostradale Traforo T1. Lungo 11,6 Km, di cui gran parte in territorio francese, si trova ad un’altitudine compresa fra i 1.381 metri sul suolo italiano e i 1.271 metri in suolo francese. Per lungo tempo è stato il traforo autostradale più lungo del mondo, arrivando oggi alla decima posizione.

Potrebbe interessarti:

Il raddoppio del traforo, sebbene progettato, non ha mai visto la luce a causa della forte opposizione delle comunità interessate. Il timore degli abitanti è che un eccessivo transito di mezzi pesanti causerebbe problemi leagati all’inquinamento. Nel 1999, un tragico incendio