Tra Letta e De Luca scoppia la pace elettorale

Mezzogiorno, 20 settembre 2022 – 07:56

Il presidente della Regione: Meloni come la «sora Cecioni». Boccia stoppato dalla musica quando in sala entrano il governatore e il segretario dem

di Simona Brandolini

Ad ogni campagna elettorale che si rispetti c’è l’abbraccio, la tregua, la pace. Che poi si rompa dopo una settimana poco importa. Alla Stazione Marittima va in onda «scordiamoci il passato», protagonisti Vincenzo De Luca e Enrico Letta. Comparse: i dem. Intruppati, cammellati. Contiamo otto pullman per lo più da Salerno, un paio dalla provincia napoletana. La città manca quasi del tutto. E non solo perché non c’è il sindaco Gaetano Manfredi. E la responsabilità del mancato invito viene rimpallata tra Palazzo Santa Lucia e il partito regionale. Insomma non si capisce chi abbia organizzato la manifestazione. Si capisce invece che il Nazareno ha fatto una scelta ed è il governatore. Che, ovviamente, supera la prova muscolare riempiendo la sala.


Gli incontri con Franceschini e Boccia

Prima che il segretario dem arrivi (e fa tardissimo) i collettivi ex Opg e i disoccupati tentano una contestazione. Ma restano al di là dei cancelli. Le auto blu sfilano e entrano senza che nessuno se ne accorga. In una saletta De Luca incontra…