Totoministri: tutti i profili tecnici più quotati per il prossimo governo

Sfuma il nome di Panetta al Mef, mentre prende quota quello di Dario Scannapieco. Al Viminale si parla del prefetto di Roma Matteo Piantedosi, mentre per la Salute sarebbero pronti Guido Rasi (Ema) o Francesco Rocca (Croce Rossa). Per gli Esteri si defila Elisabetta Belloni in favore di Tajani o dell’ambasciatore Pontecorvo. Ipotesi Nordio alla Giustizia

Dario Scannapieco, Matteo Piantedosi e Elisabetta Belloni. E poi Guido Rasi, oppure Francesco Rocca. A ogni dicastero un nome. Sono questi, al momento, i profili più quotati per la squadra a “trazione tecnica” del nuovo governo di centrodestra. Un cambio di passo rispetto a ciò che Giorgia Meloni diceva nel 2018, subito dopo le elezioni che avrebbero portato a Palazzo Chigi l’esecutivo gialloverde: “I tecnici li abbiamo visti e noi non siamo in grado di sostenerli”.

   

Ora invece i tecnici rappresentano diverse caselle fondamentali della scacchiera che la leader di FdI sta (faticosamente) cercando di comporre in questi giorni. In quella più delicata, il ministero dell’Economia e delle Finanze, la futura premier non è riuscita a strappare un sì a Fabio Panetta, ex direttore della Banca d’Italia. L’attuale membro del board Bce lo avrebbe confermato in un colloquio…