“Tamponi gratis da valutare per più poveri e studenti”

Con ilìentrata in vigore del Green pass Italia obbligatorio dal 15 ottobre, “io credo che il tampone pagato dallo Stato possa avere uno spazio da valutare in determinate fasce della popolazione: quelle più povere che hanno una fragilità economica e probabilmente anche per aiutare la popolazione studentesca, perché laddove c’è il diritto allo studio probabilmente un’apertura può essere fatta”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ospite di ‘L’aria che tira’ su La7. “Io non direi no a priori al tampone gratis – ha affermato Sileri – o meglio direi no a priori se vicino non metti quell’opera, non di convincimento, ma di educazione alla bontà della vaccinazione”, ha concluso.

Su fronte portuali, “si cerca di andare incontro, laddove esistono dei problemi, con delle soluzioni quanto più temporanee possibili che possano garantire la sicurezza dei lavoratori e allo stesso tempo l’azienda e la produttività di quell’azienda”, spiega il sottosegretario alla Salute leggendo l’indicazione contenuta nella circolare del Viminale in cui, per evitare blocchi nei trasporti all’entrata in vigore dell’obbligo del certificato verde sul lavoro, si invitano le imprese del settore portuale a valutare di…