«Taglio dei seggi votato da voi»- Corriere.it

di Virginia Piccolillo

Escluso Luca Lotti: «Preferito chi sputava sul Pd». Rifiuta Vincenzo Amendola: appello del leader Pd. No anche da Alessia Morani. Fuori dalle liste anche Valeria Fedeli. Ci ripensa e accetta Monica Cirinnà. Emma Bonino correrà contro Carlo Calenda

«La gran parte dei parlamentari uscenti ha votato il taglio dei seggi e il Rosatellum. Io no». Enrico Letta non si lascia scomporre dalle proteste che hanno accolto il varo, nella notte di Ferragosto, delle liste del Pd per le elezioni del 25 settembre.

Recriminazioni, minacce di uscita dal partito, rifiuti di posti non blindati. A far più rumore l’esclusione di Luca Lotti, ex braccio destro di Renzi rimasto nel Pd, quando, con la scissione di Italia Viva, recrimina lui, «rischiava di sparire». La sua componente Base Riformista, guidata dal ministro Lorenzo Guerini, non ha partecipato al voto. «Si è preferito chi sputava sul Pd» accusa lui che, con Renzi, parla di scelta di «rancore». Dal Nazareno dicono che è una questione di ruggini toscane tra renziani ed ex. Né i dem di Empoli, né quelli di Firenze lo hanno voluto capolista.

Letta ricorda le liste «truculente» di Renzi di 4 anni fa. Ma continua a lavorare a quel Sudoku che deve tenere conto dell’accordo con gli alleati e…