Superbonus, nuove regole, lavori bloccati, cessione credito: cosa succeder senza Draghi

Quello che intendeva fare Draghi

La fine del governo Draghi mette nel freezer il Superbonus. Per quanto riguarda le misure per l’efficientamento energetico e pi in generale i bonus per l’edilizia, intendiamo affrontare le criticit nella cessione dei crediti fiscali, ma al contempo ridurre la generosit dei contributi, aveva detto il premier uscente nel discorso tenuto la mattina del 20 luglio nell’Aula del Senato, dopo le sue dimissioni e quando ancora si sperava di ricompattare l’alleanza di governo e salvare l’esecutivo. Draghi aveva cos tentato di rassicurare il Movimento 5 Stelle su una misura che faceva parte dei 9 punti imprescindibili della lettera che Conte aveva consegnato al premier. Ma anche tutti coloro che nel Superbonus ci hanno creduto e che ora si trovano con i cantieri in essere, ma magari fermi perch le imprese edili (molte sorte come i funghi dalla sera alla mattina, sull’onda dell’entusiasmo del bonus al 110%) non riescono pi a scontare i crediti fiscali. Ora, il governo finito, ma resta in carica ancora qualche mese per il disbrigo degli affari correnti. Il Superbonus 110% sar nell’elenco degli interventi imprescindibili? Va detto che una discesa verso incentivi meno generosi, evocati da Draghi nel suo discorso al Senato per salvare…