“Sul Pnrr decide Fitto”. Così Meloni esautora il Mef. E la mossa preoccupa Bruxelles

La premier esuatora il Mef, ridefinendo prerogative e organigrammi della cabina di regia. Giorgetti lascia fare, Salvini s’arrabbia. L’incognita della governance che allarma la Commissione europea

All’inizio è stata più una questione di forme, pare. Le regole minime della cortesia calpestate in nome della segretezza. Insomma, il mezzo scippo di prerogative, Giancarlo Giorgetti l’ha scoperto direttamente in Cdm, a cose fatte. Era l’11 novembre, e nel decreto sul riordino dei ministeri Giorgia Meloni inserì un articolo un po’ sibillino in cui, di fatto, si stabiliva che “il Servizio centrale per il Pnrr opera a supporto delle funzioni e delle attività attribuite all’Autorità politica delegata”. E così la cabina di regia del Recovery, almeno formalmente, veniva ricondotta sotto la supervisione di Raffaele Fitto. Mossa che non solo ha indispettito il ministro dell’Economia, e più di lui i funzionari del Tesoro, ma che ha allarmato, per ciò a cui la mossa sembra preludere, anche la Commissione europea.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra…