Spotify ambisce a dominare il settore audio e compra una società di AI a scopi militari

Perché il salto dallo streaming musicale al settore della difesa, per quanto inaspettato, non deve sorprenderci. Almeno dal punto di vista tecnologico

Spotify ci osserva sempre. Ce lo ricorda ogni anno, sotto Natale: dopo il Prime Day di Amazon, dedicato allo shopping, ecco Spotify Wrapped. Il fenomeno ha riempito i feed di molti, con il rituale riassunto delle abitudini di ascolto degli utenti, che l’azienda quest’anno ha presentato sotto forma di “stories” ironiche il giusto, in cui ogni utente viene incasellato e riassunto sulla base delle sue preferenze musicali. Quello che potrebbe sfuggire tra tanta ilarità è la potenza analitica di cui necessita questo scherzetto chiamato #SpotifyWrapped2021. Per realizzarlo su scala così vasta, gli algoritmi di Spotify studiano di continuo i nostri comportamenti, in particolare i legami emotivi che gli utenti sviluppano per alcuni brani. Anche una banale playlist chiamata “Canzoni tristi” può nascondere un tesoro per la piattaforma, sempre attenta a collegare i contenuti al nostro umore. Così il cervellone di Spotify migliora di anno in anno, celebrando le proprie sinapsi con un evento virale attesissimo, che ha anche l’effetto collaterale positivo di spingere molti utenti ad aggiornare la…