«Soumahoro ci pagava 50 euro per fare i selfie con lui»- Corriere.it

di

Nuove contestazioni al parlamentare da parte di un ex compagno di lavoro e dei sindacalisti di Foggia

Aboubakar Soumahoro è sempre più nel mirino. Al deputato ora arrivano pesanti accuse anche dal suo ex socio e dal mondo dei sindacalisti di Foggia. «Con i soldi delle donazioni alla nostra vecchia associazione, Aboubakar pagava i braccianti che posavano per i selfie che poi lui postava. Gli dava 50 euro dicendogli di non andare a lavorare, ma di aspettare lui per fare le foto. E per organizzare la protesta di Torretta Antonacci aveva reclutato alcuni migranti di Borgo Mezzanone», dice a Striscia la Notizia l’ex socio di Soumahoro nella Lega Braccianti, associazione che tutelava i lavoratori nei campi. L’onorevole Soumahoro, ospite giovedì sera a Piazza Pulita su La7, ha dichiarato che i suoi ex soci gli avrebbero chiesto, sotto forma di stipendio, i soldi delle donazioni all’associazione. «È una bugia, non lo abbiamo mai fatto. Gli abbiamo solo chiesto di metterne una parte in un conto corrente da cui avremmo potuto attingere per i problemi del ghetto, senza dover ogni volta aspettare che lui scendesse da Roma», risponde Sambare. Che aggiunge: «Lui ha approvato, ci ha detto che avrebbe caricato i soldi su una carta, ma non l’ha mai fatto».

E…