«Sotto lo stesso tempo», 10 ragazzi chiusi in casa mentre il mondo è sconvolto dal Covid- Corriere.it

di Felice Cavallaro

Da sabato su RaiPlay il lavoro realizzato dagli iscritti al Centro sperimentale di cinematografia di Palermo diretto da Costanza Quatriglio

PALERMO – Il tempo del Covid è diventato materia di studio, soggetto e sceneggiatura per decine di registi e filmmaker iscritti al Centro sperimentale di cinematografia di Palermo diretto da Costanza Quatriglio. Una generazione chiamata a riflettere «Sotto lo stesso tempo», stando al titolo del film che ne è venuto fuori e che da sabato 8 gennaio viene trasmesso su RaiPlay dopo l’esordio fuori concorso al Torino Film Festival.

È il racconto di tante vite, le vite degli stessi studenti, articolate nella dimensione creativa di chi cerca di scoprire sé stesso. Un diario collettivo che intreccia malinconia, speranza, impegno, voglia di riscatto ai grandi cambiamenti imposti dal virus, da confinamento e distanziamento, come spiega Costanza Quatriglio l’anno scorso in tv con «La bambina che non voleva cantare», la storia di Nada, la cantante. Una zoomata intima anche quella. Stavolta declinata in modo corale analizzando «parole e atteggiamenti con i quali siamo costretti a convivere», cercando «un dialogo con la Storia di cui per la prima volta ciascuno di noi si è sentito parte».

Un modo per…