Sostegni bis: contributi alle imprese e smart working

I Sostegni bis puntano sui contributi alle imprese in base al fatturato e allo smart working almeno fino a settembre. Nella bozza, anche un fondo da 500 milioni ai comuni per solidarietà alimentare

La bozza del decreto Sostegni bis riconosce il reddito di emergenza per altri due mesi, ovvero giugno e luglio. La proroga è una continuazione del decreto precedente, che contemplava il reddito di emergenza per i mesi di febbraio, marzo e aprile.

Potrebbe interessarti:

Per poterlo ottenere, bisognerà fare richiesta all’Inps, con scadenza del 30 giugno. Tra le novità del decreto, il Ministero dell’Interno pensa a un fondo da 500 milioni per i comuni, da adottare nei casi di solidarietà alimentare, oltre che a un sostegno per i canoni di locazione e per le utenze domestiche. 

Sostegni bis: smart Working e imprese

Prorogato anche lo smart working nel settore privato, almeno fino al 30 settembre 2021. La proroga del decreto Sostegni, già anticipata la scorsa settimana e poi eliminata, viene ora inclusa nella nuova bozza. La bozza, inoltre, prevede l’estensione, per i mesi da gennaio a maggio 2021, gli sgravi sugli affitti per le imprese, come nel caso di strutture alberghiere, agenzie di viaggio,…