«Sono attendista. La terza dose è più urgente»- Corriere.it

di Margherita De Bac

Il microbiologo: «Il vaccino Covid ai bambini? Se fossi un genitore aspetterei. Non c’è fretta come per le terze dosi». E sulla variante Omicron: «Se non si rivelerà più contagiosa significa che il virus sta evolvendo in modo a noi favorevole»

«Non sono contrario a vaccinare i bambini. Sono semplicemente attendista», chiarisce la sua posizione Andrea Crisanti. Il microbiologo dell’università di Padova, dopo aver espresso dubbi sulla sicurezza dei vaccini per adulti (quando erano appena arrivati in Italia) adesso li trasferisce su quelli per piccoli.

Vuole disorientare?

«Macché dubbi. Dico solo che non c’è fretta. Fra due mesi, quando avremo i dati di Israele dove sono partiti a tamburo battente con la campagna pediatrica, potremo concludere che questi vaccini sono sicuri. Sono certo che così sarà. Però è troppo presto per cominciare, adesso, con un piano di profilassi a tappeto. La fretta bisogna averla invece nel somministrare le terze dosi».

Cosa non la convince?

«L’autorizzazione da parte dell’agenzia europea Ema al vaccino pediatrico è basata su uno studio che ha coinvolto circa duemila bambini. Una casistica limitata. Dal mio punto di vista e di altri colleghi con questi numeri si dovrebbe parlare al massimo…