«Smart cities», a Torino il primo acceleratore italiano di startup (con tre aziende piemontesi)- Corriere.it

Realizzare le «città del futuro» è un obiettivo fondamentale per avere un mondo più sostenibile. E l’iniziativa promossa da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center, in collaborazione con l’acceleratore americano Techstars, va proprio in questa direzione. Si tratta di «Torino Cities of the Future Accelerator», il primo acceleratore italiano di startup dedicato alle «smart cities», che ha l’obiettivo di favorire lo sviluppo del capoluogo piemontese come ecosistema internazionale per l’innovazione e la sua affermazione come modello di successo in Italia e in Europa.

Il ruolo degli acceleratori di startup

Una collaborazione tra chi possiede e avanza idee innovative e chi è pronto a investire su di esse. È questo il ruolo degli acceleratori di startup, che offrono strumenti e risorse per realizzare i progetti delle aziende, proponendo anche programmi di affiancamento e supporto. «Torino Cities of the Future Accelerator», evoluzione del Techstars Smart Mobility che ha già accelerato 23 startup internazionali in due anni, offre infatti opportunità di crescita alle realtà che vogliono sviluppare nuove soluzioni in ambiti strategici per rendere le città più efficienti e funzionali, soprattutto in settori quali…