Sicuri che sia stata una campagna elettorale bruttissima? Avercene campagne così

Sì, insomma, qualche scaramuccia c’è stata, qualche scazzottata si è vista, qualche colluttazione non è mancata e oggi, che è il giorno di chiusura delle campagne elettorali, è forse anche l’occasione meno indicata per svolgere il ragionamento che vi stiamo per offrire. Ma a sessanta giorni esatti dalle dimissioni di Mario Draghi c’è una piccola verità che meriterebbe di essere affrontata e che riguarda una caratteristica pazza e forse unica di questa corsa verso il 25 settembre. E la verità è questa: una campagna elettorale come quella di oggi, con così pochi colpi bassi, con così pochi sfregi, con così poche demonizzazioni, con così tanti gesti di cavalleria, non si vedeva da tempo, e forse, a questi livelli, non si era mai vista.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo

Il foglio web a € 8,00 per un mese Scopri tutte le soluzioni
OPPURE