Sicilia e Calabria sfidano il governo sul super green pass. E la Valle d’Aosta chiede una deroga per la zona rossa

I presidenti Musumeci e Occhiuto firmano un’ordinanza in eccezione ai decreti: anche i non vaccinati, con tampone negativo, potranno viaggiare in traghetto. Dopo la scuola, il rischio è che si apra un’altra partita con Roma. Oltre alla regione autonoma, anche Friuli, Abruzzo, Piemonte potrebbero cambiare colore

Il nuovo fronte l’ha aperto ieri Nello Musumeci, presidente della Sicilia, “decorse inutilmente le 24 ore dall’ultimo appello rivolto al ministro della Salute Roberto Speranza, dopo quello rivolto il 5 gennaio al premier Draghi”: un’ordinanza che opera in deroga ai decreti del governo e che permette ai cittadini dell’isola di salire su un traghetto anche se non in possesso, come indicano le regole nazionali per la mobilità, del super green pass (quello che si ottiene da guariti o con il vaccino). I non vaccinati insomma potranno muoversi, a patto di avere la certificazione base, un tampone negativo, con l’obbligo di rimanere sui rispettivi veicoli per tutto il tempo della traversata e, per i pedoni, quello di stazionare negli spazi comuni aperti, indossando una mascherina Ffp2

 

Una posizione condivisa qualche ora dopo anche dalla Calabria, con un analogo provvedimento firmato dal governatore Roberto Occhiuto, accogliendo le…