si apre un dialogo sul Quirinale- Corriere.it

di Monica Guerzoni

Quirinale, la telefonata apprezzata dal Cavaliere e da Salvini. Poi il coordinatore di FI Antonio Tajani sale a Palazzo Chigi. Paolo, fratello del leader azzurro: ha passato dei giorni molto brutti, ma in ripresa

Dietro il vorticoso casting di nomi alternativi, Mario Draghi resiste. Telefona, incontra, media e spera che i partiti trovino al pi presto la soluzione del rebus, per ricomporre la maggioranza e consentire al governo di riprendere il lavoro. Costretto dagli alti e bassi delle forze politiche a vivere un’altra giornata sull’ottovolante, il premier ha fatto tutto il possibile per togliere dalla strada verso il Quirinale uno degli ostacoli pi vistosi: il no di Silvio Berlusconi. Alle dieci di sera, dalla grande muraglia di cautela e riserbo alzata da Palazzo Chigi filtra un filo di luce. andata molto bene.

Da giorni Matteo Salvini spiegava a Draghi che, se Berlusconi resta contrario, per la Lega impossibile votarlo e suggeriva al premier di cercare una distensione. Il Cavaliere aveva congelato i rapporti dopo la conferenza stampa del 22 dicembre, quando Draghi si era definito un nonno al servizio delle istituzioni e aveva fatto capire di essere pronto a traslocare sul Colle. Berlusconi, che il Quirinale lo sognava per s da quando aveva i…