SFOOTING/ Imagine Fiordispino, la nuova era dei nomi dei figli dei vip

“… Ogni giorno, soprattutto da cent’anni a questa parte, per un processo ormai automatico, centinaia di migliaia di nostri concittadini traducono mentalmente con la velocità di macchine elettroniche la lingua italiana in un’antilingua inesistente. Avvocati e funzionari, gabinetti ministeriali e consigli d’amministrazione, redazioni di giornali e di telegiornali scrivono parlano pensano nell’antilingua. (…) La motivazione psicologica dell’antilingua è la mancanza d’un vero rapporto con la vita, ossia in fondo l’odio per se stessi”.

Sgombriamo il campo da equivoci: se questa premessa l’avessimo scritta noi, ciao e grazie, arrivederci a martedì prossimo. Il pezzo sarebbe bello che chiuso.

Ma dobbiamo confessarvi, con un pizzico di invidiosa malinconia, cari lettoràstri (amici lettori dei ComicAstri), che non è farina del nostro sacco. Che ci siamo limitati a trascrivere, prendendo atto della bontà delle idee dello scrivente, del quale solo alla fine sveleremo l’identità. Non per malcelato sadismo, ma per calcolata garanzia di essere seguiti sino alla fine.