“Scioccante!”, “Scandaloso!”. Gli eurodeputati attaccano il Ppe dopo la frase di Berlusconi su Putin

Da Bruxelles in molti criticano l’intervento del presidente di Forza Italia a Porta a Porta sull’invasione russa dell’Ucraina e chiedono al presidente dei popolari europei di prendere ufficialmente le distanze. Per ora Weber tace

Il Ppe è sotto accusa al Parlamento europeo, dopo le parole di Silvio Berlusconi, che ieri sera a Porta a Porta ha giustificato l’invasione russa dell’Ucraina dicendo che è stata sollecitata da una richiesta di aiuto del Donbas. “Putin è stato spinto dalla popolazione russa, dal suo partito, dai suoi ministri a inventarsi questa operazione speciale”, ha detto. E ha aggiunto che “Le truppe russe dovevano entrare e in una settimana sostituire il governo di Zelenksy con persone per bene e ritornare indietro. Invece hanno incontrato una resistenza imprevista e imprevedibile da parte delle truppe ucraine che poi sono state foraggiate con armi di tutti i tipi da parte dell’occidente”.  

 

Il gruppo europeo dei popolari ha risposto dal suo profilo Twitter, dicendo che “La posizione del Ppe è inequivocabile: condanniamo la guerra di aggressione di Putin contro l’Ucraina. Staremo al fianco del popolo ucraino finché non vincerà la guerra”. E ha aggiunto: “La posizione di Forza Italia è chiara: supportano l’Ucraina…