Schlein si candida: “Faremo un nuovo Pd. Voglio diventare la segretaria”

L’ex vicepresidente dell’Emilia-Romagna scende in campo: “Non voglio una resa dei conti. Costruiamo insieme questo nuovo progetto. Dietro di me nessuna corrente”. Oltre quaranta minuti di discorso, tra diseguaglianze, migranti, sanità territoriale e attacchi all’ex Renzi. Ci sono anche Provenzano e Boldrini

La notizia è già nota dal qualche giorno: Elly Schlein si candida alla guida del Pd. E però, alle dieci di domenica mattina, per assistere al momento dell’ufficializzazione sono in tanti ad attendere in fila. Siamo a Roma, al Monk, ex circolo Arci, Gerusalemme della musica indie romana, luogo per gente di sinistra che pensa, ma ama anche divertirsi (ultimo evento politico da queste parti l’Agorà democratica in cui Enrico Letta e Nicola Zingaretti hanno incontrato giovani promettenti, è già un indizio). La gente aspetta sotto inattesi e velati raggi di sole. Qualcuno è scaramantico e ci vede un presagio: “Guarda che sole dopo tutta quella pioggia, è un segno, vinciamo!”.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli…