scenari catastrofici – Libero Quotidiano

Bruno Villois

La parità, ormai vicina, euro/dollaro è una sconfitta per l’Europa ma anche per gli Usa, rappresentando l’espressione di una politica monetaria confusa delle banche centrali di entrambi. L’attuale confusione che aleggia nei mercati finanziari è collegata a doppio filo alle banche centrali, incapaci di una linea comune, seppur differenziata, in ragione delle diverse situazioni economiche. Le trimestrali del maggiori istituti di credito statunitensi faranno comprendere se e come la recessione sta mettendo le radici, anche a causa di politiche governative e finanziarie tentennanti i cui risultati sono ormai sotto gli occhi di tutti. Le previsioni peggiori trovano spazio sui prezzi del gas e petrolio, con il secondo che viene annunciato a prezzi stratosferici, nel caso in cui i due giganti della terra, Usa e Cina, non definiranno un nuovo ordine mondiale, trovando entrambi una posizione univoca sulla Russia.

 

 

Un’inflazione dell’Occidente che arrivi a superare il 20% creerebbe le condizioni per stabilire un arretramento sociale di durata forse decennale, con conseguenze inimmaginabili. Serve subito un’idea sull’Ucraina che riallinei…