«Sarebbe folle toccare il Pnrr. Così si perdono 220 miliardi»- Corriere.it

di Maria Teresa Meli

Il sindaco di Firenze: «Dal centrodestra una battaglia autolesionista. Più che il pericolo fascista temo la loro improvvisazione. Può essere antipatico dirlo, ma non c’è solo il voto utile, c’è il voto unico per battere le destre»

«Sono preoccupatissimo: la destra vuole cambiare il Pnrr, il che significa che perdiamo tutti i 220 miliardi del piano». Il sindaco di Firenze Dario Nardella non nasconde il suo «allarme» per una delle battaglie annunciate dal centrodestra in questa campagna elettorale.

Però, Nardella, Giorgia Meloni e Matteo Salvini sostengono che è possibile modificare il Pnrr.
«È un atteggiamento folle, non saprei come altro definirlo. È una battaglia autolesionista che ci farebbe perdere tutti i miliardi. Lo dico anche come coordinatore delle Città metropolitane dove si concentra gran parte degli investimenti: noi abbiamo 15 mesi per appaltare le opere e questo vale per i Comuni, per le Regioni e per lo Stato. La verità è che non sanno di che cosa parlano: qualunque governo dovrebbe motivare la modifica del piano con l’impossibilità di realizzarlo, non con una scelta politica di priorità. E anche se riuscisse a motivarlo, la Commissione europea ha diritto a due mesi per decidere prima di passare la palla al…