Saman Abbas, lo zio Danish Hasnain sarà estradato in Italia

Mesi di silenzio e di angoscia intorno a Saman Abbas. Mesi di ricerche, segnalazioni e piste poi risultate prive di fondamento. Secondo Adnkronos sono previsti per oggi, 14 gennaio, gli accertamenti tecnici irripetibili sul frammento osseo che potrebbe appartenere a Saman Abbas. Il ritrovamento di una parte di calotta cranica, è avvenuto il 3 novembre scorso nel Po, nel Comune di Boretto, a circa 20 km dal luogo dove sarebbe stata uccisa la giovane pachistana che si era opposta a un matrimonio combinato.

I carabinieri di Reggio Emilia, che indagano sul caso di Saman Abbas, non trascurano nessun elemento per fare luce sulla vicenda ma al momento non ci sono certezze sul fatto che quel frammento appartenga alla ragazza. Non è la prima volta che il Po restituisce corpi o resti umani. A ritrovare il frammento e chiamare i carabinieri è stato un passante. Il reperto è stato inviato al Ris di Parma che ora dovrà stabilire se si tratti di un resto umano e dovrà estrarre il dna.

Saman Abbas era sparita tra il 30 aprile e il 1 maggio 2021

Intanto è notizia di ieri Danish Hasnain tornerà in Italia. Lo zio di Saman Abbas, principale indagato per l’omicidio della 18enne pakistana di Novellara, sarà estradato. Dopo che il 5 gennaio scorso si è dichiarato…