Saman Abbas, la madre Nazia Shaheen protetta in Pakistan?/ L’ipotesi sulla latitanza

Nazia Shaheen, madre di Saman Abbas, è ancora un “fantasma” che sfugge alla giustizia italiana un anno e mezzo dopo la sparizione della giovane a Novellara, in provincia di Reggio Emilia. E l’ombra di una cappa di protezione in Pakistan si fa sempre più ingombrante. Nazia Shaheen è l’unica latitante dopo l’arresto dei quattro coindagati per l’omicidio della figlia (Danish Hasnain, zio della 18enne scomparsa, i cugini della vittima, Ikram Ijaz e Nomanhulaq Nomanhulaq, e il padre della stessa, Shabbar Abbas, marito di Nazia Shaheen fermato pochi giorni fa in patria e ora al centro di un iter di estradizione dall’esito incerto).

La madre di Saman Abbas, Nazia Shaheen, sarebbe riuscita a restare a piede libero perché, secondo quanto filtrato negli ultimi giorni a seguito dell’arresto di suo marito, proprio l’attenzione addensatasi intorno al provvedimento a carico dell’uomo avrebbe “distratto” le autorità permettendole di spostarsi in un luogo più sicuro e continuare la sua vita nonostante le pesantissime accuse pendenti in Italia in merito al sequestro e all’assassinio della figlia Saman Abbas. Il padre della 18enne, interrogato davanti a…