Saman Abbas, come si è arrivati a quei resti in un sacco nero

“Dentro di me sapevo da tempo che era morta e mi era rimasta una sola speranza, sempre che questa parola ora possa avere un senso: che fossero almeno trovati i suoi resti, questo per poterle dire addio in maniera dignitosa”. Sono le parole di Saqib Ayub, quello che al momento della scomparsa di Saman Abbas era il suo fidanzato, non accettato e osteggiato in ntutti i modi dalla famiglia della 18enne scomparsa nel nulla a Novellara, in provincia di Reggio Emilia.

Saman Abbas, come si è arrivati a quei resti

Saqib Ayub ora ha 23 anni e non ha una esistenza semplice dopo quei drammatici fatti. Proprio come conseguenza del suo esporsi contro la famiglia di Saman Abbas, vive in un posto mai reso noto nel Nord Italia ed è sotto la protezione delle forze dell’ordine.

Leggi anche: “Chi è il papà di Saman”. Arrestato in Pakistan, la prima foto del padre della ragazza scomparsa da Novellara

La sua ‘colpa’ e quella di Saman, nella logica perversa dei genitori e di costumi pseudo religiosi privi della totale umanità e libertà, era quella, legittima, di progettare e sognare un futuro diverso che quello che, destinandola come sposa a un cugino più grande di lei di dieci anni, avevano pianificato i genitori, oggi formalmente accusati per l’omicidio assieme a uno zio e due…