Salvini minaccia di purgare Zaia e Fedriga. Resta segretario ma dovrà condividere la lista dei ministri

È passato da Forza Putin a Forza Stalin. Per non essere fatto fuori ha minacciato di fare fuori tutti: “Sono pronto a espellere”. La Lega è ormai la nave Diciotti di Matteo Salvini: l’ha sequestrata. Domenica sera, in via Bellerio, lo hanno sentito insultare Fedriga, Zaia e Giorgetti: “Mi hanno fatto perdere”. Ieri mattina ha dato mandato alle sue squadracce di “picchiarli” sui social. Di pomeriggio ha convocato un federale. Non si dimette. Non lascia. Offre però di condividere con il partito i nomi dei ministri e “più collegialità”. E’ stato sfiduciato dalla base, dal suo predecessore,  Maroni, dal fondatore della Lega,  Bossi, che non è riuscito a eleggere e che propone adesso di nominare senatore a vita, carica che voleva abolire.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui dispositivi che preferisci, approfondimenti quotidiani dall’Italia e dal Mondo

Il foglio web a € 8,00 per un mese Scopri tutte le soluzioni
OPPURE