Salvini, il Pd e i luogotenenti del piano B per il Quirinale

“La prossima settimana dalla Lega una proposta convincente”, dice il leader del Carroccio mettendo in discussione il nome di Berlusconi. I leghisti Molinari e Romeo lavorano al dialogo in vista del patto di legislatura di cui parla Letta

C’è il Matteo Salvini che deve tenere aperti più canali, sotto il canale che porta il nome di Silvio Berlusconi, e che a metà pomeriggio dice: “Berlusconi fa i suoi incontri e i suoi conti”, ma in ogni caso “una decisione dovrà essere presa”, e “la Lega farà una proposta convincente”. E c’è la Lega – tramite i luogotenenti della Lega – che deve perlustrare in anticipo, a partire dal Parlamento, le possibili linee di movimento e i possibili punti di arrivo. Ci si deve insomma spingere nell’altro campo per cercare di dare forma preventiva al dialogo verso il Pd – Pd del “patto di legislatura” (con “presidente super partes”) proposto dal segretario Enrico Letta.

Abbonati per continuare a leggere

Sei già abbonato? Resta informato ovunque ti trovi grazie alla nostra offerta digitale

Le inchieste, gli editoriali, le newsletter. I grandi temi di attualità sui…