Russia e Iran studiano una stablecoin fondata sull’oro per gli scambi internazionali

 

La Banca centrale iraniana starebbe collaborando con il governo russo per emettere congiuntamente una nuova criptovaluta sostenuta dall’oro. La potenziale stable coin, o meglio token rappresentativo di beni reali, sarebbe un utile strumento per gli scambi internazionali effettuati aggirando il sistema bancario internazionale.

Secondo l’agenzia di stampa russa Vedomosti, l’Iran starebbe lavorando con la Russia per creare un “gettone della regione del Golfo Persico” che servirebbe come metodo di pagamento nel commercio estero.

Secondo Alexander Brazhnikov, direttore esecutivo dell’Associazione russa dell’industria crittografica e della blockchain, il token dovrebbe essere emesso sotto forma di una stablecoin sostenuta dall’oro.

La stablecoin mira a consentire transazioni transfrontaliere al posto di valute fiat come il dollaro statunitense, il rublo russo o il rial iraniano. Il rapporto osserva che la potenziale criptovaluta opererebbe in una zona economica speciale ad Astrakhan, dove la Russia ha iniziato ad accettare le spedizioni di merci iraniane.

Il legislatore russo Anton Tkachev, membro della commissione per la politica dell’informazione, la tecnologia dell’informazione e le comunicazioni, ha sottolineato che un progetto comune di…