Rottamare il rottamatore

Rottamare il rottamatore Renzi.Scacco matto. Il centro sinistra trova la quadra con Calenda. Ma questa volta sbattendo fuori il rottamatore. Dopo qualche anno il buon Enrico Letta ottiene la sua rivalsa.

Alla resa dei conti

Quel famoso Enrico stai sereno, deve essere risuonato tante volte in questi anni nella testa di Letta. Quella frase che sapeva tanto vivere da quando Matteo Renzi, che si era preso il partito giurava dii non volersi prendere il governo. Di non voler sfrattare l’attuale segretario del PD. Ed invece Enrico Letta fu costretto ad un umiliante cerimonia di passaggio della campanella, proprio verso l’allora rottamatore rampante.

Sicuramente la politica non è influenzata solo da rivalse personali. Ma in questo momento il dolce sapore della vendetta deve aleggiare nella bocca di più di qualcuno.

Renzi in quel periodo, nella sua ascesa veloce e poco delicata, di piedi ne pestò molti. E solitamente chi viene dalla tradizione comunista ha la memoria bella lunga. E la pazienza del cinese, non per aspettare sul fiume il cadavere del nemico. Ma per gettare le condizioni che creino il cadavere.

Trappola ben congeniata

Renzi ha reagito con dichiarazioni sferzanti. Come comunque nel suo stile.”Questo accordo è un’occasione persa, si poteva creare un…