Ronzulli alla carica. Da ex infermiera lombarda a “soldato del Cav.” che fa insorgere i moderati azzuri

In Forza Italia sembra la meno lontana al confine con i sovranisti di Matteo Salvini. Ecco chi è la nuova coordinatrice regionale in Lombardia, fedelissima di Berlusconi che ha fatto scatenare un putiferio nel partito

C’è il rimosso (Massimiliano Salini, già coordinatore di Forza Italia in Lombardia poi nominato ai rapporti con le associazioni imprenditoriali, incarico rifiutato per amarezza), e c’è la nominata: Licia Ronzulli, senatrice di Forza Italia, già responsabile dei rapporti con gli alleati e fedelissima del Cav., colei che l’incarico che era di Salini l’ha accettato al grido di: “Sono un soldato nelle mani del presidente Berlusconi. Mi ha chiamato e, da figlia dell’Arma, ho risposto: presente!”.

 

Così parlò Ronzulli, figlia appunto di carabiniere, alla Stampa, due giorni fa, mentre tutt’attorno si scatenava il putiferio interno azzurro, con tanto di perplessità risentita da parte del ministro agli Affari Regionali Mariastella Gelmini, a dir poco sorpresa di fronte a quella che le era parsa una presa di posizione accentratrice (“nel partito i moderati sono sotto attacco”, diceva, “serve subito un chiarimento”), dopo che a Sorrento, come raccontato da questo giornale, si era già sfogata…