Roma, accuse incrociate genitori-figli: intera famiglia a processo per maltrattamenti

Un’intera famiglia rinviata a giudizio a Roma con scambi di accuse incrociate per maltrattamenti tra genitori e figli. Da una parte una donna cinquantenne accusata di aver maltrattato i familiari conviventi, padre e madre ultrasettantenni e fratello, sottoponendoli per più di dieci anni “a continue vessazioni psicologiche e fisiche – secondo quanto riportato nel capo di imputazione – altamente mortificanti”, “aggredendoli sia verbalmente che fisicamente, ingiuriandoli con epiteti offensivi” e “minacciando la madre e il fratello”. Diversi gli episodi di violenze che i familiari della donna avrebbero subito dal 2008 fino al 2021: spintoni, schiaffi, lanci di oggetti. In un’occasione l’anziana madre sarebbe stata anche trascinata per i capelli dalla figlia dal balcone fino in cucina.

Ma di maltrattamenti in famiglia sono accusati anche i genitori e il fratello della donna perché, in base a quanto denunciato ai pm capitolini, a loro volta l’avrebbero sottoposta a vessazioni. I familiari, accusati di maltrattamenti in famiglia e lesioni, le avrebbero intimato di abbandonare la casa dove vivevano con minacce e percosse costate diversi giorni di prognosi, “escludendola dalla vita familiare, impedendole la libera fruizione della cucina, del bagno…