Rivolta contro Damien Hirst «La sua reggia un obbrobrio, ha le impalcature da 17 anni»- Corriere.it

L’arrivo di un artista corteggiato dai collezionisti più importanti ed esposto nei principali musei del mondo potrebbe sembrare una buona notizia, soprattutto quando promette di restaurare il palazzo storico di un tranquillo villaggio del Gloucestershire e trasformarlo in abitazione, studio e spazio per mostre. Gli abitanti di Toddington, nella verde campagna dei Cotswolds, erano entusiasti: Damien Hirst sarebbe diventato uno di loro. Certo, a poche miglia di distanza, avevano già il principe Carlo e la sua tenuta, Highgrove, ma l’artista più ricco del globo? Sicuramente un vicino da stimare e apprezzare. Si sono dovuti ricredere.

L’edificio che Hirst ha acquistato nel 2005 per tre milioni di sterline, circa 3,6 milioni di euro, è stato coperto immediatamente di impalcature e teli di plastica, ma i lavori non sono andati avanti: a 17 anni di distanza, «è una macchia sul paesaggio, inguardabile, un obbrobrio».

Ora basta: i residenti hanno indetto una riunione per decidere come incoraggiare l’artista a mantenere la promessa. «Vogliamo vedere se c’è qualcosa che possiamo fare», ha spiegato all’Observer Nigel Parker, presidente del consiglio parrocchiale. «Non ne possiamo più. Hirst ha comprato Toddington Manor tanti anni fa, ma per quanto riusciamo a…