“Ridare dignità a vittime terrorismo ancora oggi oltraggiate”

“Ormai è chiaro ed incontrovertibile che non ci possiamo affidare a quella “legge morale” che dovrebbe muovere il governo francese verso l’unica decisione giusta da prendere, cioè rimandare in Italia i 15 assassini che durante gli Anni di Piombo hanno solamente generato dolore e odio sociale. Ma se vogliamo che il tempo non estingua il diritto dei cittadini italiani ad avere giustizia c’è bisogno che il presidente Mario Draghi intervenga in sede europea al più presto portando il caso direttamente a Strasburgo (ricordo che il Parlamento europeo ha approvato il 14 marzo 2019 l’emendamento della Lega sul Nicaragua per l’estradizione dell’ex brigatista Alessio Casimirri)”. Lo sottolinea all’Adnkronos Potito Perruggini, Presidente di ‘Anni di piombo – Osservatorio nazionale per la verita’ storica’, commentando le dichiarazioni della ministra della Giustizia Marta Cartabia che oggi incontrando, in videoconferenza, il suo omologo francese Eric Dupond-Moretti, ha ricordato “la massima attenzione e l’urgente richiesta delle autorità italiane affinché gli autori degli attentati delle Brigate Rosse possano essere assicurati alla giustizia”.


“Solo lui con la sua ‘forza’ può portare in casa questo risultato. Solo Lui che crede nel…