record per Le violon d’Ingres- Corriere.it

di Roberta Scorranese

«Le violon d’Ingres» di Man Ray (1924) battuta da Christie’s a New York per 12,4 milioni di dollari in dieci minuti: è un caso senza precedenti

È una di quelle immagini che forse non si conoscono, ma di certo si riconoscono: la schiena nuda di una donna segnata da due «effe» tipiche della cassa di un violino. Ha ispirato artisti e stilisti, oggi genera continui meme su Instagram e su Flickr. La fotografia si intitola Le violon d’Ingres, è opera del surrealista Man Ray e l’altro ieri è stata battuta all’asta da Christie’s a New York per 12,4 milioni di dollari in dieci minuti, cifra record per una fotografia stimata tra i 5 e i 7. Ma, si dirà, è pur sempre una riproduzione fotografica: che cosa l’ha resa così appetibile nella vendita all’incanto «The Surrealist World of Rosalind Gersten Jacobs e Melvin Jacobs», tanto da far dire agli esperti della casa d’asta che si tratta di un «caso senza precedenti»?

Copia fotografica originale


Il punto è che questo pezzo è considerato una copia fotografica originale, dunque l’immagine «sviluppata» risale allo stesso periodo del negativo d’origine. E i collezionisti newyorkesi Jacobs acquistarono la fotografia direttamente da Man Ray negli anni Sessanta. Da allora questa…