Sleep Tight, recensione Nintendo Switch
Sleep Tight, recensione Nintendo Switch
Paura del buio? Armatevi!

Sleep Tight, recensione Nintendo Switch

Prendete Switch e nascondetevi sotto le coperte: i terribili mostri che vi molestano durante la notte hanno le ore contate



Sleep Tight

  • Data PAL: 23.01.19
  • Genere: azione sparatutto
  • Giocatori: 1
  • Disponibile su: Nintendo Switch PC
  • Produttore: We Are Fuzzy
  • Sviluppatore: We Are Fuzzy

Divano a destra, montagna di cuscini a sinistra, trappole sistemate. Bene. Siamo pronti a difenderci dalle insidie della notte!

Sleep Tight di We Are Fuzzy cerca di affrontare le paure notturne di molti bambini attraverso l’utilizzo della fantasia; questa, applicata ad uno sparatutto in terza persona con visuale isometrica e dallo stile puramente Arcade, incarna le paure precedentemente citate in terribili mostri pronti ad aggredirci al calar del sole e portarci dritti dritti verso l’odiato Game Over.

Il team di sviluppo costituito da volti noti dell’industria videoludica ha compiuto delle scelte interessanti, sia dal punto di vista del gameplay, che da quello puramente tecnico, trascurando però alcuni elementi chiave che permettono ad un videogioco di restare impresso nella memoria.


Sleep Tight, recensione Nintendo Switch

Dormi Bene

Inizialmente controlleremo un solo personaggio in Sleep Tight, un bambino di nome Joe. Non avrà particolari caratteristiche o specialità, ma ci permetterà di entrare velocemente nelle meccaniche di gioco. Con un metodo di controllo a due leve analogiche e un paio di tasti azione, Sleep Tight è sicuramente un titolo immediato da padroneggiare, proprio come il gioco Arcade apparentemente immaginato dal team di sviluppo, ma al tempo stesso scoprirà il fianco mostrandoci i propri limiti.

Provando ad immaginare lo scorrere delle giornate come un singolo stage, il titolo creato da We Are Fuzzy ci spingerà a contrastare le forze del male a suon di colpi provenienti dalle poderose armi “giocattolo” utilizzate dal nostro personaggio per un determinato lasso di tempo identificato dal passaggio fra la notte e il giorno.

La nostra camera, più simile ad un grande salone quadrato, sarà il primo e unico terreno di gioco, con al centro disposti 4 "totem" dai quali gestire gli acquisti. Questa stanza si trasformerà nel centro gravitazionale delle nostre battaglie fra il bene e il male, il luogo dove avremo modo di piazzare barriere, trappole e armi difensive… ed è proprio da questo aspetto che si nota il più grande limite di Sleep Tight.

Fra una “nottata” e l’altra Sleep Tight ci regalerà degli item da spendere per potenziare il nostro arsenale, migliorare la nostra energia vitale, acquisire nuovi strumenti di difesa o attivare dei bonus temporanei. Tramite l’acquisizione di questi oggetti si inizierà a notare maggiormente una certa anima strategica del titolo, dove la mancata attenzione nell’acquisire gli oggetti giusti riuscirà a compromettere la riuscita dello stage successivo.

La scelta degli acquisti quindi sarà fondamentale, soprattutto perché i punti energia e le pallottole disponibili dovranno avere priorità rispetto a tutto, proprio per evitare di venir sopraffatti dai temibili nemici che arriveranno imperterriti durante tutta la fase notturna, costringendoci a macinare pallottole ed eseguire movimenti elusivi per liberarci della loro presenza.



Sleep Tight, recensione Nintendo Switch

Con la luce del giorno, tutto appare più chiaro

Ben presto la notte lascia spazio al giorno e la realtà, purtroppo, viene a galla con la sua ferocia ingiustizia.

Se dal punto di vista tecnico il gioco si avvale del prezioso aiuto dell’ Unreal Engine 4 e mostra una qualità grafica interessante, del resto non si può certo parlar così bene. C’è sicuramente un problema di pulizia grafica nella versione Switch rispetto a quanto apparso dalle immagini visionate per la versione PC; fattore fra l’altro già notato sulla console di Nintendo con NBA PlayGround e altre produzioni, sistemate successivamente con una patch. Non è quindi da considerarsi un gran difetto, piuttosto il risultato della conversione diretta per la console Nintendo che non può certo ambire alle prodezze grafiche delle dirette concorrenti.

Ho notato anche una certa imprecisione nella gestione della mira con la leva destra del Joy-Con di Switch, sia in modalità portatile, che home, ma avendo provato esclusivamente il sistema di controllo standard della console e non il Pro Controller, mi è difficile certificarlo come vero problema.

 Sbloccare nuovi personaggi con abilità diverse fa certamente in modo di alterarne gli equilibri; nonostante questo però, la minestra è sempre la stessa e non importa quanto la si possa riscaldare o arricchire con nuovi ingredienti per arrivare ad un risultato decente.

La mappa di gioco è quella e per quanto la si provi a modificare con ostacoli e barriere non potrà certo offrire nuovi spunti di divertimento. La completa assenza di una modalità multigiocatore o varianti all’avventura principale non fanno altro che definire il malumore nel trovarsi di fronte un titolo con spunti interessanti, malamente applicati.

Si potrà giocare praticamente contro se stessi, migliorare i punteggi come un perfetto titolo Arcade, ma al contrario di questi che spopolavano fra gli anni ’80 e 90’, manca una vera sfida da fronteggiare, manca quel qualcosa che ha reso grandi i migliori shooter Konami e Capcom e più in generale, manca quella varietà che permette al giocatore di appassionarsi all’opera e aiutarlo a rigiocarla nel tempo.


Commento Finale

Sleep Tight è uno sparatutto arcade moderno, con idee interessanti e uno stile grafico accattivante, ma con dei problemi dovuti ad una progettazione non proprio esemplare. Tolti i problemi relativi ad un sistema di controllo leggermente impreciso, diventa estremamente complicato portare avanti il gioco di fronte alla noia generata già dopo la prima ora di gioco.

L’azione ripetitiva non è certo un vantaggio e la frustrazione nel giocare sempre all’interno della stessa arena si fa presto sentire. Lo sblocco di nuovi personaggi o l’attivazione di nuovi item non permette certo a Sleep Tight di migliorare, ma prova comunque a giustificare l’acquisto di un titolo riuscito solo a metà, che potrà comunque rifarsi in futuro con un secondo capitolo, sfruttando la buona base di partenza.

Voto Globale
55
Acquistalo


Commenti

blog comments powered by Disqus